Ginnastica ritmica: Sofia Raffaeli, è nata una stella

Di Alessandra Orabona

La giovanissima promessa della ritmica italiana Sofia Raffaeli si conferma di nuovo tra le migliori  e conquista due medaglie d’argento nelle specialità del Cerchio e del Nastro durante la seconda tappa del Circuito di World Cup  a Tashkent (Uzbekistan).

È riuscita, quindi, a fare ancora meglio della prima prova, svoltasi a Sofia (Bulgaria) il 26-28 marzo scorso, quando era salita sul podio con un argento (Clavette) e un bronzo (Nastro).

Dopo essersi guadagnata l’argento al cerchio con il personale di 25.40, la diciasettenne ha sfiorato il terzo posto alle clavette con un 26 tondo che l’ha fatta scendere ai piedi del podio al quarto posto, per poi aggiudicarsi il secondo posto al nastro con 22,10.

E’ impressionante come la ginnasta, allenata da Julieta Cantaluppi alla Faber Fabriano, sia riuscita a superare le più grandi individualiste del pianeta, prossime protagoniste di Tokyo, come ad esempio la bielorussa Anastasia Salos, classe 2002, terza al cerchio con 24.70 e quarta al nastro con 21.35, oppure come la russa Averina Arina, quarto posto al cerchio con 23.95.

La piccola “formica atomica” ha dimostrato di avere la concentrazione e la determinazione necessarie per puntare sempre più in alto. Non resta altro che continuare a seguirla in occasione della prossima prova di World Cup, in programma a Baku in Azerbaigian il 7-9 maggio.