Primo maggio, Cgil, Cisl e Uil: “Giornata di mobilitazione”

“Non la vedo come una festa ma come una giornata di rabbia, non è una festa ma è una giornata di mobilitazione”. Così il segretario generale della Uil, Pierpaolo Bombardieri, nel giorno del primo maggio che sarà celebrato assieme alla Cgil e alla Cisl e a tutti i lavoratori. “Non è un primo maggio normale – afferma il leader della Cgil, Maurizio Landini –  non è semplicemente una festa, quest’anno è una giornata di lotta e mobilitazione perchè vogliamo rimettere al centro il lavoro, la sua capacità di cambiare le cose, la sua capacità di curare il Paese”. “Servono riforme – afferma, invece, Luigi Sbarra, segretario generale della Cisl – eque e partecipate, il lavoro è la vera cura dell’Italia”.