martedì, Settembre 27, 2022
HomeSaluteMondo SanitàL’equipe del prof Corcione opera per la prima volta in Italia la...

L’equipe del prof Corcione opera per la prima volta in Italia la tiroide con l’esoscopio 3D con immagini in 4K

È stato utilizzato per la prima volta in Italia, durante un intervento chirurgico alla tiroide, un esoscopio 3D ad alta risoluzione in 4K alla Federico II di Napoli.

Il sofisticato sistema tecnologico OrbEye, voluto fortemente dal professor Francesco Corcione, direttore di Chirurgia Generale e Oncologica Mininvasiva dell’Azienda ospedaliera universitaria Federico II di Napoli, ha consentito ai chirurghi, attraverso una telecamera su braccio con sblocco pneumatico, di ingrandire alcuni distretti anatomici per migliorare i gesti dell’operazione. Il Sistema OrbEye in dotazione alla Federico II, era stato già utilizzato per la prima volta al mondo durante un intervento all’addome, stavolta, è stato impiegato per un intervento di Tiroidectomia totale.

Hanno guidato l’operazione due eccellenze Calvizzanesi: il dottor Michele D’Ambra coadiuvato dal dottor Nello Pirozzi, rispettivamente primo e secondo operatore e dal dottor Magno. Pirozzi e D’Ambra, chirurghi entrambi di Calvizzano, con il supporto di un equipe di medici e infermieri, hanno asportato per la prima volta, con l’ausilio della tecnologia, la tiroide di un paziente gravato da una massa neoplastica. Nessuno in Italia aveva mai utilizzato l’OrbEye per gli interventi alla tiroide, si tratta, dunque, di una vera e propria trasformazione nel campo medico.

La nuova strumentazione OrbEye sta letteralmente rivoluzionando la chirurgia generale. Oltre che aiutare il chirurgo nei gesti dell’operazione consente agli operatori presenti in sala, di assistere all’intervento grazie alle immagini riprodotte su uno schermo a 55 pollici. Il medico può inoltre regolare lo zoom e visualizzare, attraverso filtri luminosi, le masse tumorali più da vicino. Il professore Francesco Corcione, con la sua equipe, scrive l’ennesima pagina di storia nel mondo della chirurgia generale e oncologica. L’apparecchio avveniristico, OrbEye, dopo una fase sperimentale è stato acquistato dall’Azienda Ospedaliera Federico II di Napoli per gli interventi di chirurgia generale. Il Professor Corcione l’ha battezzatto col nome di Video Assisted Open Surgery.

Due settimane fa anche il Governatore della Campania Vincenzo De Luca ha visitato le nuove sale operatorie del reparto di Chirurgia Generale e Oncologica Mininvasiva dell’Azienda ospedaliera universitaria Federico II di Napoli, oggetto nei mesi scorsi di interventi di adeguamento, che accoglieranno le nuove tecnologie video 3D 4K, dotate di un sistema integrato, che possono trasmettere le immagini nelle sale operatorie d’Italia e d’Europa.

L’ha definito “un salto di qualità per le nostre chirurgie”, il presidente della Regione Campania, Vincenzo De Luca. “La tecnologia OrbEye – ha, inoltre, spiegato il Professor Franco Corcione – risponde sia ad esigenze cliniche, di cui trae beneficio il paziente, ma anche ad esigenze didattiche”.

ARTICOLI CORRELATI

I più recenti