mercoledì, Luglio 6, 2022
HomeVeicoli di PensieroArte e Cultura“Ritratti di donna. Grazia e Tormento nella pittura barocca” in mostra al...

“Ritratti di donna. Grazia e Tormento nella pittura barocca” in mostra al Jambo1

Nell’ambito del percorso Jambo incontra l’Arte, da alcuni anni si è aperto un vero e proprio cantiere di iniziative di alto profilo artistico e il JAMBO1, bene sottratto alla criminalità organizzata, è diventato sempre più un polmone di promozione culturale in un territorio che merita attenzione e visibilità per fattori positivi e qualificanti.

Ritratti di donna. Grazia e Tormento nella pittura barocca” è la terza mostra di pittura antica che viene ospitata nei nostri spazi” – ha dichiarato il dott. Salvatore Scarpa, amministratore giudiziario della struttura. La cura dell’evento è affidata a don Gianni Citro e alla Fondazione Meeting del Mare C. R. E. A. che già nelle due edizioni precedenti hanno dimostrato grande esperienza nella ricerca e nel concepimento dell’esposizione, garantendo a migliaia di visitatori la possibilità di fruire di un patrimonio d’arte di rara bellezza.

Le 24 opere in esposizione – ha continuato il dottore Scarpa – tutte provenienti da prestiti privati, documentano un percorso di assoluto interesse storico artistico, a disposizione di studiosi, ricercatori, appassionati e soprattutto del grande pubblico del JAMBO1, che per un periodo di 2 mesi si imbatterà nella sorpresa di trovarsi a contatto con capolavori di pittura antica, proprio come nel più importante e più bello dei musei d’Italia. Un momento formativo, ricreativo e attrattivo – ha sottolineato il dottore Scarpa – soprattutto nei confronti delle nuove generazioni, sempre più bisognose di stimoli di crescita e di incentivi socio-culturali.”

Questa mostra pone al centro dell’interesse sociale, civile, legale, il tema della donna e del patrimonio inestimabile della sua libertà, della sua dignità e della sua bellezza come linfa del mondo. Le grandi eroine del passato, protagoniste delle storie dei dipinti in mostra, le loro vittorie e anche le loro sconfitte, testimoniano l’enorme attenzione che l’arte, da sempre, riserva alla figura della donna.

“Con questo evento – ha concluso il dottore Scarpa – in linea con molte altre iniziative che hanno sempre una portata significativa di valore sociale e umanitario, vogliamo rendere omaggio a tutte le donne che sono vittime di soprusi e di violenza e accendere un riflettore sull’universo della donna, valorizzandone il ruolo nella società contemporanea”.

ARTICOLI CORRELATI

I più recenti