Le Patrie nel pallone

di Antonio Mango.

Roma, 12 Luglio 2018 – I sovranisti saranno contenti. Gli inni nazionali sono tornati in auge. Suonati e cantati, ad infiammare le platee del calcio. E pensare che per decenni hanno fatto la figura di un residuato bellico. Sentire quelle note in un mondo ormai globalizzato sembrava un anacronismo, l’ultimo lascito del Novecento. Continua a leggere