Conte: “La prossima settimana i bonifici per oltre 211mila imprese” Il premier: "Stiamo finalizzando anche il decreto Ristori bis"

“All’inizio della prossima settimana oltre 211 mila imprese vedranno accreditati, direttamente sul proprio conto corrente, i primi bonifici dei contributi a fondo perduto predisposti dal Governo. Dopo soli nove giorni dall’emanazione del primo decreto-legge “Ristori”, ancora prima dei tempi che avevamo previsto, l’Agenzia delle Entrate ha già disposto infatti i primi mandati di pagamento per un ammontare di quasi 1 miliardo di euro, per le attività economiche e produttive interessate dalle misure restrittive adottate con il Dpcm del 24 ottobre”. Così il presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, in una nota sui social.

“In una fase così critica – continua il premier –  della nostra storia, che ci vede tutti impegnati a combattere la nuova avanzata del contagio, dare un aiuto concreto e immediato a chi è in difficoltà è necessario per proteggere il nostro presente e il nostro futuro. È un impegno che ho preso di fronte a tutto il Paese, a tutti i cittadini italiani. Tutto il Governo è al lavoro per questo. Proprio in queste ore, inoltre, stiamo finalizzando anche il decreto “Ristori bis”, con cui rafforziamo la rete di protezione e di sostegno per tutte le attività economiche che si trovano nelle zone a maggior rischio, alla luce delle nuove misure adottate con l’ultimo Dpcm.

Dobbiamo fare  – conclude – tutto ciò che è necessario, con rapidità ed efficacia, per riuscire tutti insieme a superare al più presto questa crisi”.

Covid, via libera al decreto ristori Il ministro Gualtieri: "Aiuti entro il 15 novembre"

Il Consiglio dei Ministri ha approvato questo pomeriggio il decreto ristori. Ci saranno indennizzi fino a quattro volte tanto quanto è stato incassato già in primavera a causa del calo del fatturato. Nel nuovo provvedimento anche sostegno ai lavoratori stagionali e ristori per le imprese del turismo e della somministrazione. Ci sarà inoltre l’estensione di sei settimane della cassa integrazione e lo stop all’Imu per tutte le attività colpite dalla crisi e nuovo credito d’imposta per gli affitti.  Il ministro dell’Economia, Roberto Gualtieri, ha rassicurato che gli aiuti arriveranno entro il 15 novembre.

 

De Luca: “Il nuovo Dpcm? Non basta” Il governatore: "Serve subito un piano socio-economico"

Ieri sera il governatore della Campania è stato ospite di Fabio Fazio a “Che tempo che fa”. Il presidente, tra le altre cose, ha parlato anche del nuovo Dpcm:  “Non è sufficiente, è un passo in avanti ma non basterà. Potevamo fare più scelte o chiudere tutto per un mese oppure prendere ancora misure intermedie. Il governo ha scelto la seconda strada. Serve subito – ha continuato –  nel giro di una settimana un piano a livello nazionale di aiuti socio economici. Oggi la priorità sarebbe questa: varare come governo italiano un piano di aiuti socio economici alle categorie colpite sul modello di quello campano. Un investimento – conclude – di 10-20 miliardi di euro perché questo problema lo avremo per i prossimi sei, dieci mesi e la gente deve avere il pane”.