La Bcc al fianco dei ristoratori colpiti dalla mareggiata Approvate misure finanziarie di sostegno

La Banca di Credito Cooperativo di Napoli scende in campo per aiutare i ristoratori del lungomare gravemente danneggiati dalla mareggiata della scorsa notte. ”La forza del mare ha distrutto tutti i ristoranti e pubblici esercizi in via Partenope – afferma il presidente della Bcc, Amedeo Manzo – metteremo a disposizione degli imprenditori colpiti un plafond per la ristrutturazione dei locali e dei dehors.

I finanziamenti, a tasso agevolato, saranno di importo fino a 150mila euro chirografario fino a 72 mesi con preammortamento di 12/24 mesi.

E’ un momento difficile ma le banche di comunità vivono le gioie ma anche i dolori delle comunità. Noi siamo presenti e speriamo di superare tutti insieme queste difficoltà”.

Regione, convocata riunione con le Camere di Commercio De Luca: “Aiuto doveroso ma comportamenti responsabili”

La Regione Campania ha convocato per le ore 16 di oggi, una riunione con i rappresentanti delle Camere di Commercio per avviare da subito le attività finalizzate al riconoscimento dei ristori per le spese di approvvigionamento sostenute in vista della riapertura delle attività, inibita per effetto dell’Ordinanza n.98 del 19 dicembre 2020, nonché per l’istruttoria relativa ai ristori statali per le misure restrittive precedentemente disposte dai vari provvedimenti adottati dal Governo e dalla Regione.

Saremo vicini e daremo tutto l’aiuto possibile agli operatori la cui attività viene bloccata. Ma è doveroso mantenere una linea di rigore e di responsabilità. Sarebbe inaccettabile che per il rilassamento di pochi giorni si perdesse tutto il lavoro fatto per contenere l’epidemia. Sarebbe assurdo riprendere le attività per poche ore per poi doverle sospendere per mesi interi a fronte di un riesplodere del contagio. Aiuto doveroso per chi ha bisogno ma comportamenti responsabili da parte di tutti. Chiederemo a ogni nostro concittadino di aiutarci per salvaguardare un futuro di lavoro stabile e definitivo”. Così con un comunicato il governatore Campania, Vincenzo De Luca.

Conte: “La prossima settimana i bonifici per oltre 211mila imprese” Il premier: "Stiamo finalizzando anche il decreto Ristori bis"

“All’inizio della prossima settimana oltre 211 mila imprese vedranno accreditati, direttamente sul proprio conto corrente, i primi bonifici dei contributi a fondo perduto predisposti dal Governo. Dopo soli nove giorni dall’emanazione del primo decreto-legge “Ristori”, ancora prima dei tempi che avevamo previsto, l’Agenzia delle Entrate ha già disposto infatti i primi mandati di pagamento per un ammontare di quasi 1 miliardo di euro, per le attività economiche e produttive interessate dalle misure restrittive adottate con il Dpcm del 24 ottobre”. Così il presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, in una nota sui social.

“In una fase così critica – continua il premier –  della nostra storia, che ci vede tutti impegnati a combattere la nuova avanzata del contagio, dare un aiuto concreto e immediato a chi è in difficoltà è necessario per proteggere il nostro presente e il nostro futuro. È un impegno che ho preso di fronte a tutto il Paese, a tutti i cittadini italiani. Tutto il Governo è al lavoro per questo. Proprio in queste ore, inoltre, stiamo finalizzando anche il decreto “Ristori bis”, con cui rafforziamo la rete di protezione e di sostegno per tutte le attività economiche che si trovano nelle zone a maggior rischio, alla luce delle nuove misure adottate con l’ultimo Dpcm.

Dobbiamo fare  – conclude – tutto ciò che è necessario, con rapidità ed efficacia, per riuscire tutti insieme a superare al più presto questa crisi”.

Covid, via libera al decreto ristori Il ministro Gualtieri: "Aiuti entro il 15 novembre"

Il Consiglio dei Ministri ha approvato questo pomeriggio il decreto ristori. Ci saranno indennizzi fino a quattro volte tanto quanto è stato incassato già in primavera a causa del calo del fatturato. Nel nuovo provvedimento anche sostegno ai lavoratori stagionali e ristori per le imprese del turismo e della somministrazione. Ci sarà inoltre l’estensione di sei settimane della cassa integrazione e lo stop all’Imu per tutte le attività colpite dalla crisi e nuovo credito d’imposta per gli affitti.  Il ministro dell’Economia, Roberto Gualtieri, ha rassicurato che gli aiuti arriveranno entro il 15 novembre.

 

De Luca: “Il nuovo Dpcm? Non basta” Il governatore: "Serve subito un piano socio-economico"

Ieri sera il governatore della Campania è stato ospite di Fabio Fazio a “Che tempo che fa”. Il presidente, tra le altre cose, ha parlato anche del nuovo Dpcm:  “Non è sufficiente, è un passo in avanti ma non basterà. Potevamo fare più scelte o chiudere tutto per un mese oppure prendere ancora misure intermedie. Il governo ha scelto la seconda strada. Serve subito – ha continuato –  nel giro di una settimana un piano a livello nazionale di aiuti socio economici. Oggi la priorità sarebbe questa: varare come governo italiano un piano di aiuti socio economici alle categorie colpite sul modello di quello campano. Un investimento – conclude – di 10-20 miliardi di euro perché questo problema lo avremo per i prossimi sei, dieci mesi e la gente deve avere il pane”.