5mila euro per restare nell’alloggio popolare, blitz contro il clan De Luca Bossa Operazione di carabinieri e polizia: sette arresti

Blitz di carabinieri e polizia, a Napoli, contro il clan De Luca Bossa. Le forze dell’ordine hanno eseguito due decreti di fermo nei confronti di sette persone legate al cartello accusate di estorsione aggravata dal metodo mafioso e al fine di agevolare l’organizzazione di appartenenza. I due provvedimenti riguardano un’estorsione commessa nell’ambito della gestione delle abitazioni di edilizia popolare e un tentativo di estorsione continuata nei confronti di un imprenditore. Il primo provvedimento coinvolge tre degli indagati che hanno chiesto ad una donna 5000 euro per conservare l’alloggio popolare in cui viveva a Ponticelli assieme al figlio minore. Il secondo decreto, invece, riguarda altri quattro indagati per un tentativo di estorsione nei confronti di un imprenditore.