De Laurentiis: “Follia partire il 12 settembre” "Champions? Paura in Spagna, si giochi altrove"

di Valerio Chiusano

Il presidente del Napoli Aurelio De Laurentiis ha rilasciato, stamattina, delle dichiarazioni nette sulla sua posizione per quanto riguarda l’inizio della prossima stagione di Serie A.

De Laurentiis: “E’ una follia partire il 12 settembre”

Il patron del Napoli, prima di arrivare all’Hotel di Milano sede dell’assemblea della Lega serie A, ha mostrato tutto il suo disappunto nei riguardi di una possibile ripartenza del nuovo campionato per il prossimo 12 settembre:

“Gravina  a me ha sempre detto che è una follia partire il 12 settembre perché ci sono le partenze a fine agosto per le nazionali, le società più importanti, senza i quali il campionato di Serie A non verrebbe preso in considerazione, impegnate non si sa fino a quando in Europa League e Champions League. E poi dobbiamo dare almeno dieci giorni di riposo ai calciatori. Quando poi facciamo il ritiro preparatorio? Il problema è che gli impiegati devono fare gli impiegati e gli imprenditori devono fare gli imprenditori.
La politica deve seguire gli imprenditori, perché la politica se non pensa all’economia farà sempre acqua”

DeLa: “Comitato scientifico di cervellotici”

De Laurentiis, come un fiume in piena, lascia dichiarazioni piccate nei riguardi del comitato tecnico scientifico, reo di non realizzare direttive concrete e idonee per le società di calcio, lasciando gli imprenditori nell’incertezza:

“Secondo me non ci dovrebbero essere le vacanze per i politici questa estate. Poi abbiamo questi geni del comitato (scientifico, ndr), non so dove li abbiano riperticati. Basterebbe che le venti società facessero causa per un miliardo a questi signori e accadrebbe lo scandalo. Sono capoccioni perché sono grandi cervelli o perché sono solo cervellotici che non si sanno prendere le responsabilità? O il paese riprende o fallisce. Ora non siamo solo sotto schiaffo ma sotto terra, se ci vogliono mettere anche una lapide sopra…”.