Autocertificazione per andare in chiesa La nota ufficiale della Curia di Napoli

In seguito all’ultima ordinanza del Ministro della Salute, con la quale la regione Campania è stata valutata “zona rossa”, il Cardinale Arcivescovo di Napoli, Crescenzio Sepe, ribadisce le misure indicate dalle Conferenza Episcopale Italiana circa il DPCM del 3 novembre 2020: “Le celebrazioni con la partecipazione del popolo si svolgono nel rispetto del protocollo sottoscritto dal Governo e dalla Conferenza Episcopale Italiana. Nessun cambiamento, dunque. Nelle zone rosse, per partecipare a una celebrazione o recarsi in un luogo di culto, deve essere compilata l’autocertificazione”. Si legge in un comunicato della Curia di Napoli.

“Quindi, per le celebrazioni delle S. Messe, sia feriali che festive, e dei Sacramenti (Cresime e Prime Comunioni), restano invariate le ultime disposizioni pubblicate. Anche per la celebrazione del Rito delle Esequie, nulla è variato: solo in caso di decesso per contagio da COVID-19, si celebri solo il Rito di Commiato in prossimità dell’abitazione del defunto o al Cimitero”.

Riguardo, poi, le attività pastorali, la Segreteria Generale della CEI suggerisce “una consapevole prudenza”. Infatti, pur nella possibilità di continuare le attività pastorali, “per le zone rosse, la Segreteria Generale invita a evitare momenti in presenza favorendo, con creatività, modalità d’incontro già sperimentate nei mesi precedenti”. Pertanto, sarà cura del Parroco, valutare la reale possibilità di svolgere incontri pastorali in presenza, rispettando scrupolosamente, senza eccezioni, tutte le disposizioni vigenti”.

Campania, ecco la nuova ordinanza Sarà in vigore fino al 13 novembre

 

E’ stata pubblicata pochi minuti fa la nuova ordinanza, la numero 83, della regione Campania, a firma del presidente Vincenzo De Luca, per contenere l’emergenza Covid-19.

Salva ogni ulteriore determinazione in conseguenza dell’andamento della situazione epidemiologica quotidianamente rilevata, con decorrenza dal 23 ottobre e fino al 13 novembre 2020 e comunque fino all’adozione di un prossimo DPCM:

a) è fatto obbligo di chiusura di tutte le attività commerciali, sociali e ricreative dalle ore 23.00 alle ore 5.00 del giorno successivo. Gli avventori degli esercizi di svolgimento delle attività indicate al primo periodo sono tenuti a rientrare al proprio domicilio, dimora o residenza entro le ore 23,30;

b) fatto salvo quanto previsto dalla precedente lett.a), dalle ore 23,00 alle ore 5.00 sono consentiti esclusivamente gli spostamenti motivati da comprovate esigenze lavorative o situazioni di necessità o d’urgenza ovvero motivi di salute. E’ sempre consentito il rientro al proprio domicilio, dimora o residenza dal luogo di lavoro;

c) per l’intero arco della giornata è fatto divieto di spostamenti dalla provincia didomicilio, dimora o residenza sul territorio regionale verso altre province della Campania. Sono consentiti, limitatamente al diretto interessato nonché ad accompagnatore, ove necessario, esclusivamente spostamenti motivati da comprovate esigenze lavorative, familiari, scolastiche, di formazione o socio-assistenziali ovvero situazioni di necessità od’urgenza ovvero motivi di salute. E’ in ogni caso consentito il rientro presso il proprio domicilio, dimora o residenza dal luogo di lavoro.

2. La prova della sussistenza delle situazioni che consentono la possibilità di spostamento incombe sull’interessato. Tale onere potrà essere assolto producendo un’autodichiarazione ai sensi degli artt.46 e 47 del D.P.R. 28 dicembre 2000, n. 445. I soggetti di cui alla lettera a) sono altresì tenuti ad esibire specifica documentazione (ad es., ricevuta di pagamento, biglietto di ingresso, titoli analoghi) attestante il motivo autocertificato.

Campania, da domani scatta il coprifuoco E' online il modulo per l'autocertificazione

Da domani entrerà in vigore la nuova ordinanza firmata dal governatore della regione Campania, Vincenzo De Luca. Coprifuoco dalle 23:00 alle 5:00 e autocertificazione per potersi spostare da una provincia all’altra. Sarà possibile muoversi solo per comprovate esigenze lavorative, motivi di salute e altri motivi ammessi dalle vigenti normative. Il modulo è online da qualche ora sul sito del ministero dell’Interno: www.interno.gov.it.

Coprifuoco in Lombardia da domani e fino al 13 novembre Firmata l'ordinanza: introdotta l'autocertificazione

Da domani coprifuoco in Lombardia fino al 13 novembre. Dalle 23:00 alle 5:00, sono consentiti solo gli spostamenti motivati da comprovate esigenze lavorative o situazioni di necessità o d’urgenza ovvero per motivi di salute, in ogni caso consentito il rientro presso il proprio domicilio, dimora o residenza e autodichiarazione per certificare gli spostamenti. Le misure sono contenute nell’ordinanza emanata stamane e firmata dal ministro della salute, Roberto Speranza e dal governatore, Attilio Fontana.

Covid, torna l’autocertificazione in Campania Zona rossa ad Arzano. Sulla riapetura delle scuole elementari si valuterà nei prossini giorni

Emergenza Coronavirus, nuova ordinanza della Regione Campania, che sarà pubblicata a breve, di cui vengono anticipati i contenuti.

SCUOLA
Acquisiti i dati epidemiologici sulla scuola, che attestano un continuo aumento dei casi accertati che in alcuni territori sono raddoppiati, nonché i dati relativi all’intero contesto regionale, rimangono ferme le disposizioni delle precedenti Ordinanze sulla scuola, con due nuove decisioni:
1) Avvio immediato di progetti finalizzati alla didattica in presenza per i bambini autistici e/o con disabilità;
2) Orientamento alla riapertura delle attività in presenza delle scuole elementari da lunedì 26 ottobre, subordinata a un’ulteriore verifica che sarà svolta nei prossimi giorni sull’andamento dei contagi registrato nel personale scolastico e negli alunni.
Per quanto riguarda le altre decisioni relative alla prevenzione e al contrasto dell’epidemia, la Regione ha chiesto al Ministro della Salute di condividere e disporre la sospensione di ogni attività dalle 23 alle 5 del mattino e degli spostamenti dalle 24, a partire dal prossimo fine settimana, sull’intero territorio regionale.

COMUNE DI ARZANO

Per i dati epidemiologici provenienti dall’area metropolitana di Napoli e in relazione al Comune di Arzano, sarà disposta l’istituzione della zona rossa nello stesso Comune di Arzano.

AUTOCERTIFICAZIONE

Infine, per contrastare assembramenti e ridurre comunque la mobilità, l’Ordinanza prevederà la limitazione degli spostamenti interprovinciali, se non giustificati – previa autocertificazione – da motivi di lavoro, sanitari, scolastici, socio-assistenziali, approvvigionamento di beni essenziali.