Canapa shop, titolare nei guai Avellino, l’operazione dei carabinieri

Uno strano via vai nei pressi di un canapa shop di Avellino ha insospettito i Carabinieri che hanno iniziato ad indagare.

In effetti molti dei frequentatori del negozio risultavano noti come assuntori di sostanze stupefacenti.

I Carabinieri hanno quindi deciso di fare un controllo nel negozio e avviare una perquisizione.

Sono stati così rinvenuti una cinquantina di grammi di hashish e 400 grammi di infiorescenze di cannabis contenute all’interno di confezioni prive di etichettatura.

Tale stupefacente è stato sottoposto a sequestro e per la titolare dell’esercizio è scattato il deferimento in stato di libertà alla Procura della Repubblica di Avellino.

Maltempo, evacuazioni a Sarno Danni nel napoletano e nell’avellinese

Dramma maltempo in Campania con l’allerta meteo prorogata fino a martedì alle 6:00. A Sarno tornano paura e fango con decine di persone evacuate dalle proprie abitazioni. Stessa situazione in molti comuni del salernitano dove domani le scuole resteranno chiuse. A Napoli strade allagate e alberi divelti a causa del forte vento. Situazione difficile nella zona mandamentale e a Monteforte Irpino dove il paese è isolato a causa dei detriti e del fango. Anche ad Avellino decine di interventi dei Vigili del Fuoco, molte le strade impraticabili soprattutto nelle zone periferiche.

 

 

Maltempo, notte di passione in Campania: danni e disagi Le zone più colpite: il napoletano e l'avellinese

La Protezione Civile ha prorogato l’allerta meteo per tutta la giornata di oggi, riducendone, però, la gravità, al livello giallo. Le ultime 24 ore sono stati difficili per la Campania stretta nella morsa del maltempo. Pioggia e raffiche di vento hanno provocato danni e disagi. A Napoli un albero è caduto sulle auto in sosta in via Scarlatti al Vomero. Alla Pignasecca, a ridosso di via Toledo, una tettoia ha invaso la sede stradale. Sono state centinaia le telefonate giunte ai Vigili del Fuoco soprattutto dalle zone di Scampia, Secondigliano e Piscinola. Ma non solo Napoli e l’hinterland sono state colpite dal maltempo. Danni anche in tutte le altre province. Da Salerno dove una tromba d’aria ha fatto scattare l’allarme ad Avellino. Numerosi gli smottamenti che si sono registrati. Le aree più colpite sono state quelle dell’altopiano del Laceno, dove in alcuni casi è stato necessario l’intervento dell’idrovora dei Vigili del Fuoco per svuotare locali con anche tre metri di acqua al loro interno; altra area molto colpita è stata quella del Montorese, con diversi allagamenti. Decine gli alberi e i rami caduti in tutta la provincia, a Paternopoli, Manocalzati, Fontanarosa, Mercogliano, Torella Dei Lombardi, Solofra, Monteforte Irpino, Serino, Nusco, Atripalda e Lioni. Ad Avellino città, sono stati circa 20 gli interventi effettuati dai caschi rossi.

Avellino, scoperta “casa del piacere” Blitz dei carabinieri, denunciate tre donne

Operazione contro il favoreggiamento e lo sfruttamento della prostituzione da parte dei Carabinieri della Stazione di Avellino che hanno denunciato tre donne di origine asiatica

Gli accertamenti svolti dai Carabinieri sono partiti monitorando alcuni siti internet, spesso utilizzati come bacheche di annunci a sfondo sessuale, su cui le donne dedite all’attività di meretricio pubblicizzano le loro prestazioni ai potenziali clienti in cerca di “avventure”, con il numero da contattare per concordare gli appuntamenti durante i quali consumare rapporti sessuali a pagamento.

I Carabinieri, individuata l’abitazione dove veniva esercitata l’illecita attività, pubblicizzata sul sito internet con tanto di fotografie che non lasciavano alcun dubbio sulla finalità degli incontri, iniziavano dei servizi che davano i risultati attesi: veniva notato un continuo andirivieni di persone che si recavano nella casa in questione, trattenendosi per poco tempo, ossia giusto il tempo di consumare un veloce rapporto sessuale.

Nello sviluppo delle indagini gli operanti hanno proceduto all’identificazione di alcuni avventori che, discretamente avvicinati, non hanno potuto che confermare la natura delle prestazioni che vi si praticavano.

Ai Carabinieri non restava altro da fare che accedere nell’abitazione dove hanno verificato l’effettiva presenza di un’avvenente 56enne, sprovvista di permesso di soggiorno, che si prostituiva. Nel contempo sono stati rinvenuti e sottoposti a sequestro, oggetti erotici e contraccettivi nonché la somma di 250 euro, probabile provento del meretricio.

Le indagini hanno altresì consentito di far emergere gravi responsabilità anche a carico di una 51enne ed una 63enne, sue connazionali, tutte deferite in stato di libertà alla Procura della Repubblica di Avellino poiché ritenute responsabili della violazione delle norme di cui alla Legge 75/1958 (meglio nota come “Legge Merlin”),

Il risultato operativo è strettamente collegato alla capillare attività di controllo del territorio quotidianamente svolta dai Carabinieri del Comando Provinciale di Avellino e tesa a garantire sicurezza e rispetto della legalità.

Avellino, incidente in centro: quattro feriti Tutti trasportati all'ospedale Moscati

Incidente, ieri sera, in pieno centro ad Avellino, nei pressi di via Roma. Due le auto coinvolte, di cui una, a seguito del violento impatto, si è ribaltata. A bordo dei due mezzi otto persone. Una di loro è rimasta incastrata tra le lamiere rendendo necessario l’intervento dei Vigili del Fuoco. Quattro i feriti, trasportati all’ospedale Moscati. Sul posto oltre ai caschi rossi, gli operatori del 118 e le forze dell’ordine.

Sorpreso ai domiciliari con droga, 46enne in manette Avellino, dopo un controllo dei carabinieri

La lotta senza quartiere allo spaccio in Irpinia da parte dei Carabinieri del Comando Provinciale di Avellino, in questi ultimi giorni, sta permettendo di assicurare vari spacciatori alla giustizia e, nel contempo, sequestrare svariati quantitativi di stupefacenti.

In questo contesto un’altra importante attività è stata condotta ieri ad Avellino dai Carabinieri della Sezione Operativa della locale Compagnia, che hanno tratto in arresto di un 46enne del posto, già detenuto ai domiciliari, ritenuto responsabile di “Detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti”.

Quando i Carabinieri hanno bussato alla porta l’uomo era convinto che si trattasse di un normare controllo. Fin dal loro ingresso i militari dell’Arma si sono accorti di aver colto nel segno in quanto un caratteristico odore pungente si stava propagando per l’intero immobile.

I sospetti hanno trovato conferma all’esito della perquisizione che ha portato al rinvenimento di circa 250 grammi di hashish e marijuana, occultati nella sua camera da letto e, sul balcone, due piante di cannabis, alte circa un metro e mezzo e recanti infiorescenze già idonee alla produzione di marijuana.

Quanto rinvenuto è stato sottoposto a sequestro, unitamente a due bilancini di precisione ed alla somma di 650 euro, probabile provento dell’illecita attività di spaccio.

D’intesa con la Procura della Repubblica di Avellino, il 43enne è stato quindi dichiarato in stato di arresto e, dopo le formalità di rito, tradotto alla Casa Circondariale di Bellizzi Irpino.

Avellino, il colonnello Bramati alla guida del comando provinciale Stamane l’insediamento

Il Colonnello Luigi Bramati subentra, come Comandante Provinciale dei Carabinieri di Avellino, al Colonnello Massimo Cagnazzo che dopo quasi tre anni ha lasciato l’Irpinia per assumere l’incarico di Comandante della Scuola Carabinieri di Perfezionamento al Tiro di Roma.

45enne, originario di Roma, il Colonnello Luigi Bramati ha intrapreso la carriera militare nel 1991, frequentando la Scuola Militare “Nunziatella” di Napoli e successivamente i corsi regolari dell’Accademia Militare di Modena e della Scuola Ufficiali Carabinieri di Roma.

A partire dal 1999, al termine del ciclo di formazione di base, ha prestato servizio presso il 1° Reggimento Carabinieri Paracadutisti “Tuscania”, nel cui ambito ha partecipato, nell’anno 2000, come Comandante di Plotone Carabinieri Paracadutisti, alla missione NATO in Kosovo, per poi assumere il Comando, per quattro anni, dello Squadrone Eliportato Cacciatori “Calabria”, a Vibo Valentia, operante principalmente in Aspromonte.

Successivamente, ha Comandato le Compagnie territoriali dei Carabinieri di Cittaducale (RI) e Olbia (SS), per poi prestare servizio per cinque anni presso la Sala Operativa del Comando Generale dell’Arma dei Carabinieri, e successivamente come Capo Sezione nell’Ufficio Piani e Polizia Militare del medesimo Comando Generale.

Nel corso della sua carriera, il Colonnello Bramati ha inoltre maturato una consistente esperienza di servizio all’estero nell’ambito di operazioni internazionali di stabilizzazione, operando, come anzidetto, in Kosovo (anno 2000), e in Iraq (2003 e 2006), ove ha ricoperto incarichi nell’ambito di organismi multinazionali rispettivamente a Bassora (Deputy Provost Marshal della Divisione Multinazionale a guida britannica) e Baghdad (International Police Advisor presso il Civilian Police Assistance and Training Team a guida statunitense).

Dal 2016 al 2019 è stato trasferito negli Stati Uniti d’America, ove ha svolto il ruolo di Addetto Aggiunto per la Difesa e la Cooperazione per la Difesa presso l’Ambasciata d’Italia a Washington, DC, con competenza anche su Canada e Messico.

Prima di essere trasferito al Comando dei Carabinieri della Provincia di Avellino, al rientro dagli Stati Uniti, ha prestato servizio presso il Centro Alti Studi della Difesa, quale tutor dei frequentatori del 22° Corso di Stato Maggiore Interforze (ISSMI).

Il Colonnello Luigi Bramati ha conseguito, nel corso della sua carriera, la laurea in Giurisprudenza (1999), nonché in Scienze Politiche (2003) e in Scienze della Sicurezza Interna ed Esterna (2005). Nel 2015 ha inoltre ottenuto, presso l’Università “Roma Tre”, il Master in Studi Internazionali e Strategico-Militari collegato al 17° Corso dell’Istituto Superiore di Stato Maggiore Interforze (ISSMI), frequentato nello stesso anno accademico.

Si schianta contro un camion, ferita una 44enne L'incidente in Irpinia, nei pressi della diga di Conza della Campania

La squadra dei Vigili del Fuoco del distaccamento di Bisaccia, in provincia di Avellino, è intervenuta nella tarda mattina a Conza della Campania, sulla strada statale 7 bis, in prossimità della diga, per un incidente stradale che ha visto coinvolta un’autovettura e un camion che trasportava cartoni. Nel violento impatto, la donna alla guida della vettura, 44enne originaria di Morra De Sanctis, è rimasta incastrata nell’abitacolo, ed è stato necessario tagliare le lamiere per liberarla. Gli operatori del 118, vista la distanza dall’ospedale Moscati di Avellino, hanno fatto intervenire l’eliambulanza per il trasporto della 44enne. L’atterraggio è stato predisposto presso il campo Coni di Avellino, dove una squadra della sede centrale ha fatto assistenza al velivolo.

Covid, positivi tre calciatori dell’Avellino Sospesi gli allenamenti

Tre calciatori dell’Us Avellino sono risultati positivi al Covid. A comunicarlo la società. Sono tutti asintomatici, isolati immediatamente e costantemente monitorati dallo staff medico. Sono stati posti in isolamento fiduciario, fino all’esito di tutti gli accertamenti, coloro i quali sono stati più a stretto contatto con i tre.

Accoltella rivale in amore, 16enne nei guai La vicenda si è consumata a Sperone

I Carabinieri della Stazione di Avella hanno denunciato alla competente Autorità Giudiziaria un minorenne, ritenuto responsabile di porto abusivo di arma da taglio e lesioni aggravate.

Nella tarda serata di ieri, a seguito di richiesta d’intervento pervenuta alla Centrale Operativa della Compagnia dei Carabinieri di Baiano, la pattuglia della Stazione di Avella e quella dell’Aliquota Radiomobile, venivano fatte tempestivamente confluire in Sperone dove, in Corso Umberto, era stata segnalata una lite con accoltellamento di un ragazzo.

I Carabinieri accertavano che poco prima un 16enne del posto, per motivi passionali, aveva sfidato sulla pubblica via il suo rivale d’amore e, dopo l’animata discussione, lo aveva colpito con un fendente al torace.

Per le lesioni riportate, la vittima, 20enne di Casalnuovo (NA), veniva trasportata dal 118 all’ospedale di Avellino.

L’attività investigativa sviluppata dai Carabinieri, estrinsecatasi attraverso l’acquisizione di utili informazioni nonché l’analisi di utili elementi raccolti in sede di sopralluogo, permetteva di recuperare e sequestrare l’arma del delitto (coltello “a farfalla”, della lunghezza di circa 23 centimetri) e di individuare il presunto responsabile che veniva rintracciato presso la propria abitazione.

Condotto in Caserma, alla luce delle evidenze emerse, per il 16enne è scattato il deferimento in stato di libertà alla Procura della Repubblica per i Minorenni di Napoli.

1 2