Campania in zona arancione Le nuove misure dal 6 dicembre

Campania in zona arancione. Il ministro della Salute Roberto Speranza firma  l’ordinanza.  Le nuove misure, entreranno in vigore dal 6 dicembre. I negozi riaprono,  per bar e ristoranti invece restano consentiti solo l’asporto fino alle 22: 00 e la vendita a domicilio senza restrizioni.

Covid, 1.651 nuovi positivi Su quasi 19mila tamponi

Positivi del giorno: 1.651

di cui:
Asintomatici: 1.516
Sintomatici: 135
Tamponi del giorno: 18.733

Totale positivi: 162.220
Totale tamponi: 1.658.601

Deceduti: 85 (*)
Totale deceduti: 1.903

Guariti: 2.284
Totale guariti: 58.461

* 42 deceduti nelle ultime 48 ore e 43 deceduti in precedenza ma registrati ieri

Report posti letto su base regionale:

Posti letto di terapia intensiva disponibili: 656
Posti letto di terapia intensiva occupati: 166
Posti letto di degenza disponibili: 3.160 (**)
Posti letto di degenza occupati: 1.999

** Posti letto Covid e Offerta privata

E’ morto Mario Santangelo De Luca: “Una delle figure eminenti del mondo medico”

“Esprimo il mio cordoglio per la scomparsa di una delle figure eminenti del mondo professionale e del mondo medico. Non si può non ricordare l’impegno civile di Mario Santangelo, la sua presenza nelle istituzioni anche regionali, il suo grande contributo nel legare la competenza al lavoro istituzionale. Non si può non ricordarne anche il tratto umano di grande generosità e disponibilità. Cordoglio e vicinanza alla famiglia Santangelo”. Così il governatore della Campania, Vincenzo De Luca.

Censis, aumenta il gap tra ricchi e poveri "Il sistema Italia è una ruota quadrata che non gira"

“Il sistema Italia è una ruota quadrata che non gira: avanza a fatica, suddividendo ogni rotazione in quattro unità, con un disumano sforzo per ogni quarto di giro compiuto, tra pesanti tonfi e tentennamenti. Mai lo si era visto così bene come durante quest’anno eccezionale, sotto i colpi dell’epidemia”. Questo è uno dei passaggi del 54esimo rapporto del Censis: “In vista del Natale e del Capodanno il 79,8% degli italiani chiede di non allentare le restrizioni o di inasprirle. Il 54,6% spenderà di meno per i regali da mettere sotto l’albero, il 59,6% taglierà le spese per il cenone dell’ultimo dell’anno. Per il 61,6% la festa di Capodanno sarà triste e rassegnata. Non andrà tutto bene: il 44,8% degli italiani è convinto che usciremo peggiori dalla pandemia (solo il 20,5% crede che questa esperienza ci renderà migliori). Il 90,2% degli italiani è convinto che l’emergenza coronavirus e il lockdown hanno danneggiato maggiormente le persone più vulnerabili, ampliando le disuguaglianze sociali già esistenti”.

Dal 14 al 17 dicembre sciopero dei benzinai L'annuncio delle organizzazioni di categoria

Si solleva la protesta dei benzinai.  In un comunicato congiunto le organizzazioni di categoria, Faib Confesercenti, Fegica Cisl e Figisc/Anisa Confcommercio, hanno annunciato che dalla sera di lunedì 14 dicembre prossimo e fino alla mattina di giovedì 17, gli impianti di distribuzione carburanti, sia in rete ordinaria sia su viabilità autostradale, saranno chiusi per sciopero.

Nuovo Dpcm, ecco tutte le misure adottate Conte: "La strada per uscire dalla pandemia è ancora lunga"

Questa sera il premier Giuseppe Conte ha presentato il nuovo Dpcm per le festività. “Il sistema delle Regioni si sta rivelando efficace e ci sta permettendo di dosare i nostri interventi, le misure sono adeguate e proporzionate. Nel giro di un mese abbiamo piegato la curva dei contagi, attualmente l’Rt 0,91. Stiamo evitando un lockdown generalizzato. Continuando in questo modo nel giro di un paio di settimane tutte le Regioni saranno gialle. Siamo costretti – ha continuato – a introdurre ulteriori restrizioni per le festività natalizie, la strada per uscire dalla pandemia è ancora lunga. La terza ondata potrebbe arrivare già in gennaio. Occorre – ha concluso il presidente del Consiglio –  impegno e attenzione: dovremo attendere il vaccino e le cure monoclonali. Sarà un Natale diverso da tutti gli altri, ma non meno autentico”.

Ecco tutte le misure introdotte

Dal 21 dicembre al 6 gennaio sarà vietato spostarsi tra le Regioni per raggiungere le seconde case. Il 25 dicembre, il 26 dicembre e il 1° gennaio non ci si potrà spostare dal proprio Comune. Coprifuoco confermato dalle 22:00 alle 5:00. A Capodanno, invece, sarà esteso alle 7:00. Dal 7 gennaio ripartirà la didattica in presenza per il 75% degli studenti delle superiori. Gli italiani che, invece, tornano dall’estero e gli stranieri che entrano in Italia tra il 21 dicembre e il 6 gennaio, dovranno sottoporsi alla quarantena. Negozi aperti fino alle 21 dal 4 dicembre al 6 gennaio.

Napoli, 90 milioni per il centro storico Firmato al Mibact il contratto di sviluppo

Grazie alla firma, oggi al Ministero per i Beni Culturali, del Contratto Istituzionale di Sviluppo (CIS) per il Centro storico di Napoli, si sblocca un investimento di circa 90 milioni di euro. Una svolta per la realizzazione di progetti strategici. Tra questi anche quello che riguarda Palazzo Penne.
La firma di oggi serve a superare gravi ritardi registrati negli ultimi anni. Nel contempo, si concretizza la realizzazione di un altro dei dieci progetti per Napoli che avevano presentato nelle settimane scorse. Dopo il Polo dell’Innovazione nell’ex manifattura Tabacchi, si concretizza anche il progetto di restauro e recupero funzionale dello storico Palazzo Penne, per il quale vengono investiti 10 milioni di euro.
Il Contratto Istituzionale di Sviluppo prevede un investimento complessivo di 89,5 milioni di euro a valere su risorse FSC 2014-2020 di cui al Piano operativo (PO) Cultura e Turismo 2014-2020 di cui è Autorità di Gestione il MIBAC, per la riqualificazione e la rigenerazione urbana del centro storico di Napoli. I fondi sono destinati a progetti strategici integrati, dalla tutela e valorizzazione del patrimonio, alle infrastrutture urbane, al recupero architettonico, fino alla scuola, alla formazione e alle azioni per favorire l’inclusione sociale.

 

Covid, 2.295 nuovi positivi in Campania Su quasi 25mila tamponi effettuati

Positivi del giorno: 2.295

di cui:
Asintomatici: 2.141
Sintomatici: 154
Tamponi del giorno: 24.709

Totale positivi: 160.569
Totale tamponi: 1.639.868

Deceduti: 54 (*)
Totale deceduti: 1.818

Guariti: 2.162
Totale guariti: 56.177

* 28 deceduti nelle ultime 48 ore e 26 deceduti in precedenza ma registrati ieri

Report posti letto su base regionale:

Posti letto di terapia intensiva disponibili: 656
Posti letto di terapia intensiva occupati: 162
Posti letto di degenza disponibili: 3.160 (**)
Posti letto di degenza occupati: 2.041

** Posti letto Covid e Offerta privata

1 2 3 152