sabato, Dicembre 2, 2023
HomeAttualitàIntelligenza artificiale: i chatbot AI "potrebbero presto essere più intelligenti di noi"

Intelligenza artificiale: i chatbot AI “potrebbero presto essere più intelligenti di noi”

Un uomo ampiamente considerato come il padrino dell’intelligenza artificiale (AI) ha lasciato il suo lavoro, avvertendo dei crescenti pericoli derivanti dagli sviluppi nel campo.

Geoffrey Hinton, 75 anni, ha annunciato le sue dimissioni da Google in una dichiarazione al New York Times, dicendo che ora si è pentito del suo lavoro.

Ha detto alla BBC che alcuni dei pericoli dei chatbot di intelligenza artificiale erano “abbastanza spaventosi”.

“In questo momento, non sono più intelligenti di noi, per quanto ne so. Ma penso che presto potrebbero esserlo.”

Il dottor Hinton ha anche ammesso che la sua età ha giocato nella sua decisione di lasciare il gigante della tecnologia, dicendo alla BBC: “Ho 75 anni, quindi è ora di andare in pensione”.

La ricerca pionieristica del dottor Hinton sull’apprendimento profondo e le reti neurali ha aperto la strada agli attuali sistemi di intelligenza artificiale come ChatGPT.

Ma lo psicologo cognitivo e scienziato informatico britannico-canadese ha dichiarato alla BBC che il chatbot potrebbe presto superare il livello di informazioni detenuto da un cervello umano.

“In questo momento, quello che stiamo vedendo è che cose come GPT-4 eclissano una persona nella quantità di conoscenza generale che ha e le eclissa di gran lunga. In termini di ragionamento, non è così buono, ma lo fa già semplice ragionamento”.

“E dato il ritmo dei progressi, ci aspettiamo che le cose migliorino abbastanza velocemente. Quindi dobbiamo preoccuparcene.”

Il futuro dell’intelligenza artificiale

Nell’articolo del New York Times, il dottor Hinton ha fatto riferimento a “cattivi attori” che avrebbero cercato di usare l’IA per “cose ​​cattive”.

Quando gli è stato chiesto dalla BBC di approfondire la questione, ha risposto: “Questo è solo una specie di scenario peggiore, una specie di scenario da incubo”.

“Puoi immaginare, ad esempio, un cattivo attore come [il presidente russo Vladimir] Putin ha deciso di dare ai robot la possibilità di creare i propri sotto-obiettivi”.

Lo scienziato ha avvertito che questo alla fine potrebbe “creare sotto-obiettivi come ‘Ho bisogno di ottenere più potere'”.

Ha aggiunto: “Sono giunto alla conclusione che il tipo di intelligenza che stiamo sviluppando è molto diverso dall’intelligenza che abbiamo“.

“Siamo sistemi biologici e questi sono sistemi digitali. E la grande differenza è che con i sistemi digitali hai molte copie dello stesso set di pesi, lo stesso modello del mondo”.

“E tutte queste copie possono imparare separatamente ma condividere le loro conoscenze all’istante. Quindi è come se avessi 10.000 persone e ogni volta che una persona ha imparato qualcosa, tutti lo sapessero automaticamente. Ed è così che questi chatbot possono sapere molto di più di qualsiasi persona.”

Ha sottolineato di non voler criticare Google e che il colosso tecnologico è stato “molto responsabile”.

“In realtà voglio dire alcune cose positive su Google. E sono più credibili se non lavoro per Google.”

In una dichiarazione, il capo scienziato di Google, Jeff Dean, ha dichiarato: “Rimaniamo impegnati in un approccio responsabile all’intelligenza artificiale. Impariamo continuamente a comprendere i rischi emergenti, innovando allo stesso tempo con coraggio”.

RELATED ARTICLES

Ultimi Articoli