mercoledì, Aprile 17, 2024
HomeAttualitàVirgin Galactic: successo della missione suborbitale. A bordo anche 4 italiani!

Virgin Galactic: successo della missione suborbitale. A bordo anche 4 italiani!

Virgin Galactic, l’azienda privata di Richard Branson, ha completato con successo la sua prima missione suborbitale commerciale. Il volo ha raggiunto un’altitudine di 85 chilometri, permettendo ai passeggeri di sperimentare la microgravità per alcuni minuti, prima di fare ritorno al punto di partenza, il New Mexico.

È interessante notare che la missione è stata in gran parte composta da italiano, con quattro delle sei persone a bordo della navetta VSS Unity di nazionalità italiana.

Tra di loro c’erano il pilota Nicola Pecile, il Colonnello Walter Villadei e il Tenente Colonnello Angelo Landolfi dell’Aeronautica Militare, oltre al ricercatore Pantaleone Carlucci del CNR. A completare l’equipaggio c’erano il pilota Mike Masucci e l’istruttore di Virgin Galactic Colin Bennett.

Virgin Galactic ha sviluppato un sistema di volo che si distingue dai tradizionali razzi spaziali. Il volo prevede l’utilizzo di un grande aereo-madre, che trasporta la navetta fino a circa 15 chilometri di altezza, per poi lasciarla cadere e accendere i razzi per puntare verso lo spazio.

La navetta suborbitale raggiunge la sua massima altitudine in pochi minuti e da lì inizia il viaggio di ritorno. L’intera esperienza di volo dura circa un’ora e mezza, e i passeggeri sperimentano la fase di maggiore intensità nei 15 minuti della fase di vertice del volo.

La missione italiana del Virgin Galactic

La missione, chiamata Virtute-1, ha preso forma grazie a un accordo commerciale tra l’Aeronautica Militare e Virgin Galactic, con il supporto scientifico fondamentale del CNR e la collaborazione di alcune università.

Durante la missione, i membri dell’equipaggio Villadei, Landolfi e Carlucci hanno condotto 13 esperimenti diversi. Questi includevano studi sull’effetto della microgravità sul corpo umano e su particolari materiali, nonché la ricerca sui raggi cosmici e il test di un prototipo di nuova tuta spaziale.

Ciò che originariamente era pensato come una navetta per trasportare turisti spaziali si è trasformato in un laboratorio di ricerca e scoperta.

Per Virgin Galactic, questo risultato è di estrema importanza poiché rappresenta la prima volta in cui sono saliti a bordo passeggeri paganti. La prossima missione è programmata per agosto e già diverse centinaia di persone hanno prenotato un volo per vivere l’esperienza di ammirare la Terra dall’alto.

Un nuovo capitolo dell’esplorazione spaziale si sta aprendo grazie a queste collaborazioni.

RELATED ARTICLES

Ultimi Articoli