domenica, Luglio 21, 2024
HomeAttualitàMorrissey denuncia'ipocrisia dell'industria musicale e dei media: solo dopo la morte Sinéad...

Morrissey denuncia’ipocrisia dell’industria musicale e dei media: solo dopo la morte Sinéad O’Connor diventa un’icona

Attraverso un comunicato pubblicato sul suo sito ufficiale, Morrissey ha criticato certi membri dell’industria musicale e dei media che, dopo la sua morte, hanno ricordato Sinéad O’Connor, nonostante per anni le abbiano reso la vita impossibile, chiudendole le porte e ignorandola per il modo in cui esprimeva le sue opinioni e si manifestava di fronte a situazioni che le risultavano ingiuste.

La casa discografica l’ha abbandonata dopo aver venduto 7 milioni di dischi per loro. È diventata pazza, sì, ma mai noiosa. Non aveva fatto nulla di male. Aveva una vulnerabilità orgogliosa… e c’è un certo odio nell’industria musicale verso i cantanti che non si “adattano” (lo so molto bene), e non vengono mai elogiati fino alla morte, quando finalmente non possono rispondere. La crudele gabbia della fama si sgretola oggi in elogi a Sinéad… con gli insensati soliti titoli di “icona” e “leggenda”. La lodano ora SOLO perché è troppo tardi. Non hanno avuto il coraggio di sostenerla quando era viva e li cercava.

In seguito, Morrissey si scaglia contro i media (anche se menziona nuovamente le case discografiche) per essere ipocriti, affermando che ora che la cantante è sfortunatamente morta, finalmente le daranno il giusto riconoscimento: “La stampa accusa gli artisti per quello che nascondono… e a Sinéad (O’Connor) la chiamerebbero triste, grassa, scandalosa, pazza… oh, ma oggi no!”.

“I dirigenti dell’industria musicale che avevano il sorriso più affascinante mentre la respingevano dalla loro lista, ora si stanno accalappiando per chiamarla “icona femminista”, e celebrità da quindici minuti, demoni dell’inferno e case discografiche di diversità artificialmente eccitata si intrufolano su Twitter per tweetare le loro idiozie… quando è stato TU a convincere Sinead a arrendersi… perché si è rifiutata di essere etichettata e degradata, come sono sempre degradati i pochi che muovono il mondo”.

Alla fine, Morrissey afferma che Sinéad O’Connor è stata vittima dello stesso destino di Judy Garland, Whitney Houston, Amy Winehouse, Marilyn Monroe e Billie Holiday, poiché, come tutte queste figure, l’artista irlandese era una sfida, non poteva essere rinchiusa in una categoria e aveva il coraggio di parlare quando gli altri tacevano in sicurezza. Era perseguitata solo perché era se stessa. I suoi occhi si sono finalmente chiusi nella ricerca di un’anima che potesse chiamare sua.

“Come sempre, i grandi media non centrano il bersaglio, e con le loro bocche chiuse tornano all’insulso vocabolario di “icona” e “leggenda”, quando la settimana scorsa avrebbero usato parole molto più crudeli e dispregiative (per lei). Domani, gli adulatori torneranno ai loro commenti di merda su Internet, alla loro accogliente cultura del cancro, alla loro superiorità morale e ai loro obituary a ripetizione come pappagalli. Scopriranno che stanno mentendo in giorni come questo… quando Sinéad non avrà bisogno della loro spazzatura”.

RELATED ARTICLES

Ultimi Articoli