mercoledì, Febbraio 28, 2024
HomeMotoriProdrive Hunter: Loeb e Lurquin, una Coppia Vincente nella Settima Tappa!

Prodrive Hunter: Loeb e Lurquin, una Coppia Vincente nella Settima Tappa!

Sébastien Loeb, il veterano francese del rally, continua a cementare il suo status di leggenda alla Dakar, avendo recentemente ottenuto la sua terza vittoria nella presente edizione e totalizzando 26 trionfi nel suo palmarès. Al volante del suo Prodrive Hunter, Loeb ha esibito una maestria indiscutibile nella settima tappa, che si è snodata tra Riyad e Al Duwadimi, ampliando il suo vantaggio con una prestazione che ha consolidato ulteriormente la sua posizione di serio candidato alla conquista del titolo.

Il predominio di Loeb su terreno misto

Il percorso della tappa sette, con una breve sezione di dune seguita da estesi tratti sterrati, è stato il teatro dove Loeb ha messo in mostra il suo talento ineguagliabile. Ha impresso un margine di 7 minuti e 26 secondi su Lucas Moraes, suo più immediato inseguitore, e in doing so, ha messo sotto pressione il leader Carlos Sainz, che mantiene il comando con un vantaggio complessivo di 19 minuti. Tuttavia, la crescente pressione esercitata da Loeb potrebbe spostare gli equilibri della competizione.

L’inatteso ritiro di Ekström

L’evento sorprendente di giornata è stato l’intoppo tecnico che ha colpito Matthias Ekström e la sua Audi, fino ad allora in seconda posizione. Un guasto alla sospensione ha obbligato Ekström a fermarsi dopo soli 51 km per attendere soccorsi, vedendo evaporare le sue chances di podio e costringendolo al ritiro dalla gara, lasciando il campo libero ai suoi avversari.

Strategia e risultati di Loeb

L’approccio tattico adottato da Loeb nella quinta tappa, dove ha volontariamente rallentato per beneficiare di una posizione di partenza più favorevole nella speciale successiva, ha dato i suoi frutti con la vittoria di due tappe di fila. Questa manovra strategica ha permesso al pilota francese di ridurre la distanza dal leader Sainz a soli 19 minuti, rendendo la lotta per il podio estremamente accesa, specialmente dopo l’uscita di scena di Ekström.

Differenze transatlantiche Abarth

Mentre la competizione imperversa, è interessante notare come Abarth, il marchio italiano rinomato per i suoi modelli di auto sportive, si differenzi nei mercati dell’automotive tra Italia e America. In Italia, Abarth predilige veicoli compatti e maneggevoli, mentre negli Stati Uniti, il brand si è imposto con una gamma più eclettica che comprende sportive di alta prestazione e SUV, riflettendo le divergenti preferenze e necessità dei consumatori nei rispettivi mercati.

Presenza italiana nella Dakar

Alla Dakar, l’Italia si distingue con Maurizio Gerini, che assieme a Laia Sanz al volante del buggy Astara a due ruote motrici, si è classificato al 15º posto nel ranking generale. Al primo posto tra gli italiani figura Eugenio Amos, il quale, in team con l’ex motociclista Paolo Ceci su una Toyota Hilux gestita da Overdrive, ha fatto registrare un’ascesa notevole raggiungendo la 20ª posizione assoluta.

Classifica e prospettive

Nell’ultima tappa cronometrata, Loeb ha fermato i cronometri a 4 ore, 56 minuti e 39 secondi, seguito da Moraes con un distacco di 7 minuti e 6 secondi, mentre Al-Attiyah ha chiuso a 9 minuti e 47 secondi dal leader di tappa. Nella classifica generale, Sainz rimane al comando totalizzando 30 ore, 6 minuti e 42 secondi, con Loeb che si posiziona a solamente 19 minuti di differenza. Moraes si colloca in terza posizione a un’ora, 35 secondi dal leader. La Dakar del 2024 promette di mantenere alto il livello di adrenalina, con i concorrenti che affrontano le insidie e le sfide del percorso avventuroso nel deserto dell’Arabia Saudita.

RELATED ARTICLES

Ultimi Articoli