venerdì, Giugno 21, 2024
HomeViaggiL'enorme crescita di Airbnb può costituire un rischio per il mercato immobiliare?

L’enorme crescita di Airbnb può costituire un rischio per il mercato immobiliare?

Il successo del sito Airbnb ha portato all’accusa di invadere le mete turistiche con affitti a breve termine e di spingere via i residenti locali. Ecco da dov’è nata la polemica.

La storia di Thompson

Con la sua fervente e vibrante scena artistica, Margate era la base perfetta per Dan Thompson, scrittore e attivista sociale. Ma quando il suo padrone di casa ha deciso di vendere il suo appartamento, si è trovato senza un posto dove andare a causa della scarsità di proprietà nella zona.

Una delle ragioni, secondo lui, è che molte case vengono affittate come case vacanze su Airbnb. Secondo l’azienda di analisi degli affitti AirDNA, quasi 640 case intere vengono affittate nella città costiera.

Ora, quando viaggia, Thompson rifiuta di soggiornare in affitti Airbnb che non sono occupati dal proprietario dell’immobile. “Mi sono reso conto di essere ipocrita: se soggiorno in uno di questi, faccio parte del problema.”

Quando è nato nel 2007, il sito era un modo per le persone di guadagnare qualche soldo affittando una stanza nella propria casa. Ora si è trasformato in un gigante tecnologico che ha cambiato il profilo degli affitti in molte grandi città di tutto il mondo.

Con proprietà utilizzate esclusivamente come case vacanze, senza la presenza dei proprietari, località turistiche come Whitstable, Cornovaglia e alcune zone del Galles sono state invase da Airbnb.

Il numero di “interi alloggi” in affitto nelle aree costiere in Inghilterra e Galles è aumentato del 56% tra il 2019 e il 2022, rispetto al 15% nelle aree non costiere, secondo Inside Airbnb, un progetto non commerciale che analizza l’impatto sui mercati residenziali. Airbnb ha messo in dubbio l’accuratezza di queste scoperte. Il governo ha presentato proposte per modificare la legge sugli affitti vacanze, ad esempio richiedendo ai proprietari in Inghilterra di ottenere il permesso urbanistico per trasformare le proprietà in affitti a breve termine.

I provvedimenti per limitare i danni

Il segretario delle comunità, Michael Gove, afferma che la gente del posto è stata spinta fuori dalle città e dai villaggi. “Sono determinato a garantire che più persone abbiano accesso a case a prezzi accessibili e che diamo priorità alle famiglie disperate di affittare o comprare una casa vicino al luogo di lavoro”, afferma.

Mentre l’Inghilterra deve ancora attuare nuove normative, dallo scorso ottobre i proprietari in Scozia hanno bisogno di una licenza del consiglio locale per operare, mentre il governo gallese ha adottato una serie di misure per limitare il numero di case vacanze e seconde case. Queste includono un sistema di licenze, che rende obbligatorio ottenere una licenza per gestire strutture ricettive, compresi gli affitti vacanze a breve termine.

RELATED ARTICLES

Ultimi Articoli