mercoledì, Aprile 17, 2024
HomeCuriositàTupperware: perché il famoso marchio potrebbe presto chiudere

Tupperware: perché il famoso marchio potrebbe presto chiudere

Il marchio Tupperware è diventato sinonimo di conservazione degli alimenti che molte persone usano il suo nome per riferirsi a qualsiasi vecchio contenitore di plastica.

Ma l’azienda statunitense di 77 anni sta vedendo formarsi delle crepe nel business della sigillatura ermetica, un tempo rivoluzionario, che l’ha resa famosa. Infatti, si sta registrando l’aumento dei debiti e il calo delle vendite che fanno scattare l’allarme che potrebbe fallire senza investimenti.

Nonostante i tentativi di rinnovare i suoi prodotti negli ultimi anni e riposizionarsi a un pubblico più giovane, non è riuscita a fermare il calo delle vendite.

Le “feste Tupperware” dell’azienda l’hanno resa un’icona durante la rivoluzione dei consumatori degli anni ’50 e ’60. Infatti, i suoi contenitori a tenuta d’aria ea tenuta d’acqua hanno preso d’assalto il mercato.

Ma il suo modello di business principale, l’utilizzo di venditori autonomi che vendono principalmente da casa propria, è passato di moda da un po’ di tempo ed è stato ritirato del tutto nel Regno Unito nel 2003.

Ora i vertici aziendali hanno ammesso che, senza nuovi finanziamenti, un marchio entrato nel linguaggio comune potrebbe scomparire dal mercato.

“Lo usiamo (Tupperware) come sostantivo, il che è abbastanza insolito per un marchio”, ha affermato Catherine Shuttleworth, fondatrice della società di analisi di vendita al dettaglio Savvy Marketing.

“Penso che molti giovani saranno sorpresi dal fatto che sia un marchio in sé”.

La storia del marchio Tupperware

Mentre Tupperware era un “prodotto miracoloso” quando è stato venduto per la prima volta decenni fa, ha aggiunto la signora Shuttleworth, il mercato è stato invaso da aziende che offrono alternative più economiche negli ultimi anni.

Una ripresa durante la pandemia di Covid-19, sostenuta da persone che hanno iniziato a cucinare e cucinare di più a casa, ha invertito il forte calo del prezzo delle azioni di Tupperware.

Ma l’aumento si è rivelato temporaneo.

Le vendite sono nuovamente diminuite da allora, in gran parte perché l’azienda non è stata “abbastanza innovativa” negli ultimi 10-20 anni per tenere il passo con i suoi rivali, secondo la Shuttleworth.

La mancanza di innovazione è ben lontana dai suoi primi giorni.

L’azienda è stata fondata nel 1946 da un uomo, l’inventore Earl Tupper, ma il suo volto pubblico era una donna: Brownie Wise.

Il prodotto di Tupper era un grosso problema: utilizzava nuove materie plastiche per mantenere il cibo fresco più a lungo. Era un prodotto inestimabile quando i frigoriferi erano ancora troppo costosi per molti – ma fino all’arrivo di Wise, non vendeva.

Aveva già iniziato a organizzare eventi per vendere i container, incontrando direttamente le casalinghe e le mamme che l’azienda voleva raggiungere.

Il suo stile innovativo – e le sue cifre di vendita – hanno attirato l’attenzione di Tupper. Per questo è stata promossa a livello dirigenziale in un momento in cui le donne erano in gran parte escluse dalla sala del consiglio.

L’impatto di Wise e Tupperware è ancora dibattuto dagli accademici, ma molti affermano che abbia svolto un ruolo importante. Infatti, ha portato le donne nella forza lavoro nell’America del dopoguerra e abbia fornito una fonte di reddito ad altre donne in tutto il mondo.

RELATED ARTICLES

Ultimi Articoli