Home Attualità Georgia, orrore nelle carceri: detenuto mangiato vivo dagli insetti

Georgia, orrore nelle carceri: detenuto mangiato vivo dagli insetti

0
350
Georgia
Georgia

La notizia dell’orrore avvenuto in una prigione della Georgia ha fatto il giro del mondo. Un detenuto di nome Lashawn Thompson, di 35 anni e di origini afroamericane, è stato trovato morto nella sua cella a settembre dopo soli tre mesi di detenzione.

Secondo le affermazioni dell’avvocato della famiglia di Thompson, Michael Harper, il detenuto sarebbe stato “mangiato vivo” da pidocchi e cimici dei letti. Le immagini fornite dal legale mostrano una cella in condizioni deplorevoli e il corpo dell’uomo coperto di insetti e parassiti.

Thompson era stato arrestato a giugno per un reato minore, ma il suo stato di salute psichica era compromesso dalla sua schizofrenia. Harper ha sottolineato che al momento dell’ingresso nella prigione della Georgia, il suo assistito era fisicamente sano. Non ci sono scuse per quello che gli è accaduto.

Il detenuto malato di mente è stato lasciato solo in una prigione, abbandonato a morire. Secondo il referto del medico legale, la causa della morte del 35enne è “indeterminata“. Tuttavia, l’avvocato ha accusato le autorità della prigione di non aver fatto nulla per aiutarlo, lasciandolo solo nella sua cella infestata dai parassiti.

La famiglia di Thompson è rimasta inorridita alla vista delle immagini del corpo del loro caro. Il fratello di Thompson, Brad McCrae, ha raccontato che la famiglia vuole giustizia per il loro caro e che non tollererà che un altro detenuto subisca lo stesso destino.

La morte di Lashawn Thompson ha scatenato un dibattito pubblico sulla situazione delle carceri della Georgia e in America in generale, e sulla necessità di riformare il sistema penitenziario.