lunedì, Dicembre 4, 2023
HomeAttualitàCosa vedere a Brescia, Capitale della Cultura 2023

Cosa vedere a Brescia, Capitale della Cultura 2023

Cosa vedere a Brescia, Capitale della Cultura 2023?

In modo insolito, l’Italia ha due capitali della cultura nel 2023: Bergamo e Brescia, che condividono la ribalta dopo la loro devastante 2020, quando entrambe sono state le prime zone calde della pandemia italiana.

Bergamo è più conosciuta – la sua bellissima Città Alta, sopra la valle del Po, è stata una destinazione turistica negli ultimi decenni. Questo rende la meno conosciuta Brescia una priorità per quest’anno – e questa città sorprendente potrebbe stupirti. Ha resti romani incredibili, uno dei migliori musei del nord Italia, e una scena gastronomica innovativa. Inoltre, è a soli 36 minuti di treno da Milano. Una nuova pista ciclabile di 50 miglia attraverso il Lago d’Iseo la collega anche a Bergamo, nel caso in cui si voglia combinare le due.

Cosa vedere a Brescia, capitale della cultura 2023: antico

Il programma degli eventi della Capitale della Cultura è fortemente orientato verso gli italiani, ma potresti voler saltare gli eventi ufficiali e vedere semplicemente la città. Inizia dall’inizio. Brescia è stata fondata dai Celti, che si stabilirono ai piedi della collina di Cidneo. Successivamente si allearono con i Romani – prima di diventare Romani loro stessi. Ed è la città romana, costruita dall’imperatore Vespasiano, quella che dovrebbe essere il tuo primo obiettivo. Oggi una grande piazza inclinata sorge sopra il vecchio Foro, sovrastata dal Tempio Capitolino – un vasto tempio a tre cappelle, incorniciato da colonne gigantesche.

L’evidenza interna è la Vittoria Alata – una statua in bronzo superdimensionata di una Vittoria Alata così realistica che sembra poter decollare in qualsiasi momento. E c’è anche un’evidenza sotterranea: una cappella di un antico tempio romano, ancora luminosamente affrescata con trompe l’oeil ghirlande realistiche.

Accanto al Tempio Capitolino si erge un enorme (sebbene fatiscente) teatro romano, e proprio sulla strada si trova il Museo di Santa Giulia, situato in un antico complesso monastico che risale all’ottavo secolo. Tracciando la storia della città dalla preistoria ai giorni nostri, è una maratona di bronzi lucidati, mosaici romani e la chiesa affrescata con il tetto stellato di Santa Maria in Solario.

Cosa vedere a Brescia, capitale della cultura 2023: nuovo

Ma non solo storia antica: la statua del rinoceronte è una installazione d’arte contemporanea dell’artista Stefano Bombardieri e sarà esposta nei portici della Piazza Vittoria di Brescia fino alla fine del 2024.

Cucina tradizionale

Ma Brescia non riguarda solo la sua storia – una città industriale e ricca, è anche un importante promotore della dolce vita. Prendi ad esempio Inedito, una pizzeria, ma non una pizzeria qualsiasi. Aperta nel 2021, offre un menu degustazione di sette portate, tra cui focaccia con burrata e prosciutto stagionato per ben 50 mesi.

Poi c’è Massenzio, un cocktail bar in un vicolo medievale vicino al Tempio Capitolino. Appropriatamente, è a tema romano – puoi provare un volo di cocktail, ognuno con il nome di antichi imperatori e imperatrici.

E vicino alla stazione, l’AreaDocks Boutique Hotel è il cuore di un magazzino ferroviario convertito, insieme a ristoranti, bar e boutique di design.

Preferisci qualcosa di più classico? Prendi posto in uno dei numerosi bar di Piazza della Loggia, una piazza fiancheggiata da portici di costruzione veneziana, e prova un pirlo – l’interpretazione di Brescia di uno spritz, con Campari e vino bianco.

RELATED ARTICLES

Ultimi Articoli